Archive for gennaio 2010

in giro per il web

28 gennaio 2010

Rubati in giro sul web e fb… se l’autrice li rivuole io li tolgo subito eh!!

😉

***

“Le Bucoliche, le Georgiche, le Neide! ;)”

IN LIBRERIA: “mi dà il RITRATTO DI DORIS DAY?”

in libreria: vorrei un libro di EL SAMORAN

in libreria #3: c’è “Il rosso e il nero” di STENDBAI?

LE PISTOLE di cicerone

Pannolini lavabili su Non Solo Ciripà

20 gennaio 2010

E’ nato il nuovo sito web del Gruppo NonSoloCiripà. www.nonsolociripa.it . Il sito delle mamme che usano in tutta Italia i pannolini lavabili e li promuovono qua e là…

Chi mi segue sa che io ne sono parte attiva e sostenitrice per cui… vi aspetto!!

Il Gruppo “NonSoloCiripà” è una rete di genitori che usa i pannolini lavabili per i propri figli e presenta le informazioni raccolte e il bilancio positivo della propria esperienza. Il nostro scopo è coinvolgere altri genitori verso questa scelta consapevole, non solo informandoli sui vantaggi ecologici, economici e salutari, ma anche rassicurandoli sulla “semplicità” e “praticità” di tale utilizzo, che qualsiasi famiglia di genitori lavoratori può affrontare con facilità d’uso e con la lavatrice.
Il Gruppo svolge iniziative sul territorio, sia di collaborazione con le amministrazioni sia di sensibilizzazione attraverso incontri con genitori, in varie forme (presenza ad incontri preparto, formazione a operatori del settore, sportelli e altre iniziative).
Convinti che “esiste un pannolino lavabile adatto a ogni bimbo”, il Gruppo compie una divulgazione a 360 gradi nel vasto mondo dei pannolini lavabili, senza cioé promuovere, rappresentare né vendere alcuna marca o tipo di pannolino lavabile.
Il Gruppo NonSoloCiripà ha partecipato alla Settimana Europea della Riduzione dei Rifiuti 2009.

Info e contatti per Regioni qui.

 

Un Natale più “eco”? il prossimo!

5 gennaio 2010

Quest’anno ho rotto le scatole a tutti. Alla fine delle varie sedute, parentali o amicali, di alberi da svuotare di doni, io lì seduta triste e mogia a togliere lo scotch alle carte da regalo -che erano state defunzionalizzate in pochi secondi- e separare carta, plastica e nonriciclabile (scotch e schifezze varie). E a far sentire tutto il resto della combriccola un pochettino in colpa.
Una volta una bimba di 9 anni mi ha aiutato, le facevo pena, però mi ha chiesto a che serviva… anove anni nessuno glielo aveva spiegato? ma che razza di amici ho?? 🙂
E poi: gli struffoli. Non friggo mai. Ma quando mia mamma ha fatto come ogni anno gli struffoli, io ho con rimorso svuotato l’olio esausto nel lavandino. Con buona pace dei punti di raccolta (che però non c’erano, dovevo conservarmelo fino a quando?).
Naturalmente niente stoviglie o tovaglia o tovaglioli di carta/plastica.
ça va sans dire.
Eppure la mia ecocoscienza rimorde per le montagne di carta buttate via così intorno a me.
Ma ho risolto almeno uno dei miei ecoproblemi.
Il mio pacchetto regalo del prossimo Natale sarà di stoffa.
E già mi immagino la stoffa passare da un anno ad un altro da mano in mano. E la buona pratica diffondersi. Una sorta di bookcrossing della carta. Papercrossing.
Oppure chi regala si riporta la carta indietro?
Mah. Vediamo l’anno prossimo.